Giobrazo.com Salute Come Evitare e Prevenire le Carie? Cause e Rimedi

Come Evitare e Prevenire le Carie? Cause e Rimedi



No votes yet.
Please wait...

Come evitare e prevenire le carie? Cause e rimedi

La carie è una delle malattie più frequenti che colpisce i denti, le cause possono essere di natura fisiologica o esterna, in ogni caso è importante al fine di prevenire il problema seguire determinati accorgimenti curando l’alimentazione, l’igiene orale e modificando il proprio stile di vita, evitando, ad esempio, di fumare.

La prevenzione delle carie è importante, innanzitutto, per la salute dei denti, avere denti sani e forti diminuisce il rischio di incorrere in patologie, inoltre, avere un sorriso sano aiuta sicuramente l’immagine, una dentatura bianca e brillante è visivamente più gradevole, e, poi, aspetto da tenere in considerazione è il lato economico, denti sani evitano di doversi recare da un dentista, un gran risparmio per il portafogli.

La carie intacca il dente sano e può causarne, in alcuni, casi, la caduta se non combattuta in tempo, per non parlare del dolore di avere un dente cariato, un dente affetto da carie significa soffrire di mal di testa,non riuscire a masticare e avere dolori tremendi al cavo orale, basta che il cibo si infili nella cavità erosa per contemplare l’intero firmamento!

Da un punto di vista medico la carie è un’infezione che si propaga nella bocca tramite la presenza di batteri, questi ultimi nascono e si diffondono nel cavo orale grazie alla presenza di residui di cibo, in particolare, zuccheri, il contatto con lo zucchero crea una reazione di tipo chimico che trasforma i batteri in acido.
L’acido si diffonde nella bocca e attacca i denti fino a corroderli minando la loro stabilità.

Al fine di prevenire il diffondersi delle carie è, pertanto, opportuno ridurre l’assunzione di zuccheri, per zuccheri si intende qualsiasi alimento che contenga zucchero, quindi dolci, bibite, cioccolato e qaunt’altro, come si è ribadito lo zucchero è il carburante dei batteri portatori delle carie.

Si consiglia , altresì, di ridurre il numero di pasti durante il giorno, maggiore è l’affluenza di cibo nella bocca maggiore sarà la possibilità che residui dello stesso possano ingenerare la formazione della carie, senza dubbio è importante masticare il cibo al fine di ridurre la possibilità di residui tra i denti.

In ogni caso dopo ogni pasto o spuntino è necessario pulire i denti usando i dovuti accorgimenti, innanzitutto, lavare i denti con uno spazzolino con setole medio-dure, quelle morbide si piegano e non danno i risultati dovuti, in quanto non riescono a pulire bene tra i denti, usare un dentifricio anticarie, utilizzare un filo interdentale per eliminare i residui di cibo più difficili e risciacquare con un buon collutorio in modo da ripulire l’intera bocca agendo in maniera totale sui batteri.

Per chi è fuori casa e non ha la possibilità di eseguire una corretta pulizia dentale come palliativo, in attesa di poter lavare i denti, si consiglia la masticazione di un chewing gum o magari bere acqua o risciacquare con un po’ di acqua la bocca.

Fumo e carie

Il fumo è un nemico dei denti e della salute in generale, la nicotina è causa di numerose patologie dei denti tra cui è fattore determinante per la formazione delle carie, il fenomeno è collegato al fatto che un fumatore rispetto ad un soggetto non fumatore ha una propensione minore all’igiene orale, la sigaretta è, spesso, il break ideale di un dopo pranzo, cena o spuntino e raramente chi fuma si accinge a lavarsi immediatamente i denti, dati statistici riscontrano una minor accortezza all’igiene orale.

La sigaretta contiene nicotina, che a contatto con i denti li attacca da dentro e fuori influendo sulla loro struttura e resistenza, si pensi che la nicotina riduce l’apporto di ossigeno e sangue nella bocca necessario per il mantenimento di una bocca sana e di denti forti, si restringono le gengive, il dente si indebolisce e ciò lo rende più facilmente attaccabile dai batteri.

Il fumo riduce la salivazione favorendo il processo di acidità e il diffondersi di batteri nell’apparato orale, tali batteri attaccano i denti e producono la formazione delle carie.
Il fumo al pari di una cattiva alimentazione e pessima igiene orale incide sulla salute dei denti favorendo l’insorgere di patologie.

Dinanzi ad un fumatore il consiglio è smettere di fumare o in ogni caso incrementare l’igiene orale con pulizie frequenti dei denti, al fine di ovviare in parte ai danni della nicotina contenuta nel tabacco.

Cos’è la carie interdentale (tra due denti)?

La carie si distinguono in base al grado di intensità delle stesse, alla tipologia nonché alla posizione in cui il dente è colpito, in particolare, merita menzione la carie interdentale.
La carie interdentale è la carie che si posiziona a confine tra un dente e l’altro nel punto che congiunge e divide i due denti interessati, si tratta di una carie particolarmente complessa perché compromette la salute di ben due denti e si trova in una posizione scomoda.

Trattasi di una delle carie più diffuse, in quanto la pulizia tra un dente all’altro è complessa e richiede un’igiene orale specifica e minuziosa che il solo utilizzo dello spazzolino non consente non essendo affatto facile pulire tra l’estremità di un dente e l’altro.

Nella zona interdentale si accumulano i residui di cibo e a meno che non si usino prodotti specifici è molto difficile evitare la formazione delle carie.
Tale carie non è semplice da individuare ad occhio nudo, pertanto, l’odontoiatria, richiede spesso al paziente di sottoporsi ad una radiografia per accertare la salute dei denti al fine di scegliere il tipo di intervento e terapia più appropriata.

Esteticamente tale carie dà vita ad una macchia nera nella parte interna del dente ed è fonte di dolore per il soggetto che ne è affetto, basta un piccolo residuo di cibo nella cavità per avvertire una sensazione di inevitabile disagio, a volte è richiesto l’ausilio di farmaci per ridurre il dolore.Tale carie colpisce la qualità del dente al punto che lo stesso può spaccarsi mentre si mangia e richiedere, addirittura, l’estrazione.

Al fine di evitare interventi chirurgici come demineralizzazione del dente, è opportuno, prevenire tale tipologia di carie usando quotidianamente uno scovolino.

Lo scovolino è uno strumento, ormai, alla portata di acquisto di chiunque, si tratta di un piccolo strumento, in genere in di plastica, dotato sulla parte superiore di un filo di nylon ben teso alle estremità dello stesso che va fatto scorrere tra un dente e l’altro per favorire l’eliminazione dei residui di cibo tra i denti, rispetto al filo interdentale è più facile da manovrare.

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.