Come si frena in moto? Alcuni consigli pratici

Frenare nel modo corretto è un fondamentale estremamente importante della guida su due ruote: troppo spesso, nella guida di uno scooter o una moto ci concentriamo solo sull’accelerazione o sul piegamento nella fase di curva, senza considerare con particolare attenzione l’importante aspetto della frenata. Imparare a frenare correttamente in moto è importantissimo, ai fini di una guida sicura. Oggi vi forniremo alcune indicazioni e trucchi, finalizzati ad aumentare la vostra confidenza con l’impianto frenante del vostro motoveicolo, anche nelle condizioni di strada bagnata ed aderenza precaria.

Moderni impianti frenanti motoveicolo

Le moto moderne sono dotate di impianti frenanti con sistema Abs, in grado di sviluppare decelerazioni fino ad 1 G; le pastiglie che agiscono sui tre dischi, sono in grado di produrre una forza, capace di rallentare una massa più importante della massa del veicolo stesso. Per tale ragione, essere in grado di operare una corretta tecnica di frenata è estremamente importante, anche quando l’aderenza del manto stradale è precaria, per via della pioggia o di altri fattori ambientali.

Esperienza e pratica nella guida di un motoveicolo

Nelle fasi di guida di un motociclo ed in particolare nella fase di frenata, è importante aver consolidato con la pratica una buona fiducia ed esperienza. A tal proposito sarà importante sapere in che situazioni sarà necessario affidarsi al pneumatico anteriore, alla leva destra e al pedale. L’obiettivo è quello di operare una guida il più possibile sicura e sciolta, evitando l’eccessiva staccata al fulmicotone, prima di effettuare una curva, non facendo rallentare il mezzo più del necessario, inficiando sulla normale fluidità della guida.

La posizione corretta delle dita sulla leva del freno

Ai fini di operare una frenata corretta, sarà importante la posizione delle dita sulla leva del freno. Molte persone utilizzano solamente due dita per azionare la leva del freno, altre utilizzano quattro dita. Il nostro consiglio è quello di utilizzare non meno di due dita, per azionare la leva del freno (dito indice e dito medio), mantenendo allo stesso tempo un buon controllo sul manubrio della moto. Nel corso della fase di frenata sarà altresì importante stringere bene le gambe attorno al serbatoio, mantenendo le braccia fisse e poco angolate. La frenata dovrà avere inizio azionando il freno posteriore e successivamente, una frazione di secondo dopo, continuando la frenata azionando la leva del freno anteriore. Così facendo contribuirete a garantire maggiore stabilità ed efficacia all’azione di frenata. Sarà opportuno esercitare sulla leva del freno, il 70 per cento della pressione, mentre il restante 30 per cento dovrà invece interessare il pedale del freno, azionato dal vostro piede.

Frenata e percorrenza

Un aspetto estremamente importante nella fase di frenata riguarda i riferimenti. Se vi spaventa iniziare a piegarvi con i freni ancora in mano, potrete individuare due riferimenti: quando cominciare la fase di frenata e quando terminare la stessa. In questo modo potrete separare la fase di percorrenza della curva dalla fase di frenata. Nelle fasi di frenata è sempre molto importante mantenere lo sguardo avanti: una volta individuati i riferimenti, potrete spostarli avanti pian piano, mentre consoliderete la vostra esperienza di guida.  Non fissate i punti di riferimento durante le fasi di frenata, ma mantenete sempre lo sguardo davanti a voi sulla curva che andrete ad affrontare. Non irrigiditevi e continuate a respirare con regolarità.

Non frenate mai in modo brusco

Nella guida di una moto è sempre molto importante evitare un’azione brusca su leva e pedale del freno; non imprimete alla leva del freno anteriore una forza eccessiva; frenate sempre con dolcezza, per poi premere sulla leva progressivamente in modo più incisivo. Quando avrete acquisito notevole esperienza di guida, dimenticatevi della frenata in due tempi ed imparate a frenare in un’unica azione, senza tornare rispettivamente su leva e pedale, più volte in una sola curva.

Utilizzo del freno posteriore in moto

L’utilizzo del freno posteriore in un motociclo è tanto importante quanto l’utilizzo della leva del freno anteriore; per tale ragione andrà utilizzato senza troppa parsimonia, soprattutto nella guida in città, a basse velocità. Il freno posteriore della moto è utilissimo per bilanciare il mezzo ed avere più controllo. Quando arriverete particolarmente lunghi in curva, una leggera pressione esercitata sul pedale del freno, vi aiuterà a riportarvi nella corretta traiettoria, senza provocare reazioni sgradevoli alla sezione anteriore. Saper utilizzare correttamente il pedale del freno posteriore di una moto è importante anche per chi ama la guida sportiva. Sarà tuttavia importante prestare particolare attenzione alle moto dotate di frenata combinata: in tal caso quando verrà premuto il pedale del freno posteriore, si attiveranno anche le pastiglie del freno anteriore.

Fare pratica nella frenata

Una volta acquisita la teoria per una corretta frenata nelle fasi di guida della moto, occorrerà fare chilometri e chilometri di pratica, per consolidare una frenata dolce ed efficace. A tal proposito, il nostro consiglio è quello di individuare un tratto libero di strada o un parcheggio: raggiungete, se il limite di velocità lo prevede, gli 80, 90 chilometri orari e frenate fino a fermarvi. Eseguite nuovamente l’operazione, aumentando la forza di frenata, prendendo dimestichezza con il sistema frenante della vostra moto.

Trackday in pista

Quando avrete consolidato teoria e pratica per una corretta frenata nelle fasi di guida della vostra moto, sarete in grado di operare in massima sicurezza, mantenendo fissi i punti di riferimento, o modificandoli, rimanendo sempre nei limiti del buonsenso. Se siete amanti della guida sportiva, potrete iscrivervi ad una sessione di trackday in pista, per migliorare la vostra qualità di guida.

Manutenzione dei freni della vostra moto

Una capacità di frenata ottimale, a nulla servirà se l’impianto frenante della vostra moto sarà anche solo parzialmente alterato o compromesso; a tal proposito sarà sempre importante ricordarsi di far controllare periodicamente i freni della vostra moto (sia i dischi che le pastiglie). Sarà altresì importante provvedere alla sostituzione del liquido dei freni della moto, ogni due anni. La manutenzione ordinaria è un aspetto fondamentale della guida sicura, che non andrà mai trascurato.

Asfalto bagnato

La presenza di acqua sull’asfalto è uno dei nemici più insidiosi della frenata sulle due ruote; frenare in queste circostanze, è un’operazione che dovrà essere effettuata con una particolare cautela. La guida in condizioni atmosferiche di pioggia dovrà essere cauta e le curve dovranno essere affrontate con particolare prudenza, scalando la marcia e rilasciando la frizione in modo il più possibile dolce, evitando così di perdere il controllo del mezzo. In tali circostanze ed in generale è sconsigliato eseguire frenate in curva: il nostro consiglio è quello di utilizzare prevalentemente il pedale del freno posteriore.

Mai frenare al limite

Non sempre durante le fasi di guida riusciremo a frenare esattamente dove avremo pensato di farlo; non è sempre detto infatti che dove avremo pensato di frenare vi sarà un asfalto pulito o in buone condizioni. È bene tuttavia precisare che la così detta “frenata al limite”, anche ad una velocità limitata (ad esempio di 30 chilometri orari), è sempre particolarmente rischiosa. In una frenata al limite, se troveremo dello sporco, della ghiaia o del gasolio sul manto stradale, il limite vi porterà lunghi anche di due metri: nelle curve a destra, arrivare lunghi significa andare ad invadere la corsia opposta e finire contromano. È dunque importante imparare a tenere una velocità minima prima della curva, alla fine di un rettilineo. Frenare male comporterà una traiettoria sbagliata o di difficile esecuzione.

La frenata in discesa

Quando ci troveremo ad affrontare una frenata in discesa, il nostro consiglio è quello di diminuire la velocità e di utilizzare molto il freno motore. Un uso prolungato dei freni in discesa farà perdere progressivamente loro efficacia e li sottoporrà ad una più rapida usura. Evitate inoltre di frenare solamente con la ruota anteriore, nelle fasi di sterzata e di manovra, onde evitare di cadere, anche nelle circostanze della presenza di un buon fondo stradale non bagnato. I comportamenti indicati in questo articolo, saranno quelli da tenere per ottimizzare una giusta frenata nelle fasi di guida della vostra moto. Ricordiamo che la prudenza e la massima attenzione alla guida, sono senza dubbio due aspetti imprescindibili e fondamentali, che non dovranno mai mancare o essere trascurati. É infine importante precisare che per ottenere una rapida ed efficace frenata, sarebbe opportuno guidare con la mano destra sull’acceleratore e l’indice rispettivamente sulla leva del freno; in questo modo le dita della mano destra saranno sempre pronte a reagire in modo rapido, per operare una frenata efficace.