Come scegliere la tua prima moto

Se sei alle prese con la ricerca della tua prima moto da acquistare e non sai esattamente su che modello orientarti, sei nel posto giusto: oggi ti forniremo i migliori consigli per aiutarti a scegliere la tua prima moto. Cercheremo di chiariti le idee, aiutandoti a scegliere la tua nuova compagna a due ruote. Quando inizierai la ricerca di una moto, la prima impressione è molto importante: il classico colpo di fulmine che ti folgorerà a prima vista, sarà a volte determinante per scegliere il modello che più ti attrae e ti soddisfa. È tuttavia importante non lasciarsi troppo condizionare dalla prima impressione, operando un acquisto non superficiale, di un modello in grado di rispondere concretamente alle tue esigenze tecniche e non solamente estetiche. Capita spesso di pentirsi molto presto, a seguito di un acquisto troppo impulsivo e dettato dalle prime emozioni. Per tale ragione, nell’acquisto di una moto è sempre importante scegliere un modello in base all’uso che dovremo farne, con particolare riferimento al tipo di motorizzazione che prediligeremo.

Scegliere un modello di moto in base all’uso

Modelli esteticamente accattivanti come le classiche Harley Davidson, o ancora le potentissime sportive da 200 cavalli, continuano ad affascinare i motociclisti di tutto il mondo. Prima di effettuare l’acquisto di una moto, dovremo tuttavia domandarci l’uso che dovremo farne. A tal proposito sarà importante considerare il peso della moto che ci appresteremo ad acquistare, l’altezza della sella e la relativa posizione di guida: quest’ultima dovrà essere ottimale e prevedere un buon compromesso tra comodità e controllo del mezzo. Per quanto riguarda la cilindrata della prima moto di un novello motociclista, un buon compromesso è una potenza compresa tra i 500 e gli 800 cc; nel caso fossimo amanti dei bicilindrici vintage, anche una cilindrata di 900 cc, sarebbe perfetta.

La moto ideale per gli sportivi

Se amate le moto particolarmente veloci e performanti, la vostra attenzione dovrà essere rivolta alle moto sportive, soprattutto se la vostra volontà sarà quella di correre su pista, anche saltuariamente. Ovviamente se intenderete acquistare una moto per correre in pista, potrete decidere di acquistare una moto da corsa: in tal caso è molto probabile che siate degli esperti e con molte probabilità saprete già su che modello orientarvi per l’acquisto. Le moto sportive sono in grado di esprimersi in performance e prestazioni elevate, ma al contempo richiederanno una manutenzione importante, e la loro posizione di guida non è certo il massimo in quanto a comfort, soprattutto per un utilizzo quotidiano.

Una moto per gli amanti del moto turismo

Se siete degli amanti del moto turismo e delle gite fuori porta, la vostra scelta di acquisto di una moto, potrà essere rivolta su una sport tourer o su una naked; quest’ultima è in particolare un modello adattabile con i vari kit di borse laterali, perfetti per viaggi anche particolarmente lunghi. Una moto tourer è un modello estremamente polivalente, anche se in confronto alla naked, perderà qualcosa in fatto di comfort alla guida.

Una moto per gli amanti del fuoristrada

Per tutti gli amanti del motociclismo fuoristrada, la scelta dovrà invece vertere sua una moto cross o enduro. Tra i modelli citati, sussistono importanti differenze: una moto enduro, essendo targata, potrà essere utilizzata anche su strada, a differenza di un moto cross. Le motard sono modelli adatti per coloro i quali amano correre su pista, ma allo stesso amano percorrere i passi montani caratterizzati dall’importante presenza di curve. Il vantaggio di acquistare uno tra i modelli citati per il fuoristrada, è di avere una moto estremamente minimalista, caratterizzata da un’accessibilità meccanica poco elettronica. Ovviamente, per contro questi modelli sono dotati di un allungo limitato.

Una moto da usare tutti i giorni

Teoricamente ogni moto disponibile sul mercato, potrebbe essere utilizzata tutti i giorni. Prendendo come parametro il comfort e la comodità di guida, la moto perfetta per essere utilizzata tutti i giorni è una naked o una tourer, non caratterizzate da dimensioni troppo importanti. In alternativa potrete optare per una enduro o una motard. La scelta di una moto da usare tutti i giorni sarà certamente influenzata dai gusti personali. Certamente le tourer sono modelli particolarmente comodi e dotati di motori pressochè indistruttibili. Lato negativo delle moto tourer è rappresentato dalla maneggevolezza, minore rispetto ad altri modelli.

Moto custom e cafe racer

Le moto custom e cafe racer, rappresentano proposte recenti, caratterizzate da una meccanica relativamente moderna. Il grande vantaggio di questi modelli è rappresentato dal fatto che si tratta di moto completamente personalizzabili, tanto da renderle di nicchia: a volte delle vere e proprie rarità e modelli unici. Uno dei principali fattori negativi di questi modelli di moto, è rappresentato dai costi: per customizzare moto particolarmente stravaganti, talvolta i costi saranno davvero importanti e significativi. Tuttavia, oggi il mercato offre moltissime possibilità, soprattutto in riferimento alle moto cafe racer; queste ultime sono ormai disponibili a prezzi accessibili e non più così limitativi. Le moto custom, generalmente o sia amano o si odiano. Per una moto come le classiche Harley Davidson, possiamo dire che al cuor non si comanda; sono moltissimi i biker appassionati di questi modelli, in tutto il pianeta.

Scegliere una moto considerando il prezzo

L’acquisto di una moto è certamente in primis influenzato dal budget che avremo a disposizione. Esattamente come per le automobili, anche per le moto, quando un modello uscirà dal concessionario, perderà immediatamente il valore relativo all’Iva, deprezzandosi del 20 per cento circa. Per tale ragione, se si intende acquistare una moto nuova, sarà importante sapere che non converrà venderla poco dopo l’acquisto. Per tale ragione, chi intende acquistare una moto usata, magari con un solo anno di vita, potrà a volte trovare sul mercato delle buone occasioni. Dato molto significativo per l’usato, che se la moto sarà di produzione italiana, i prezzi si terranno tendenzialmente più alti, anche dopo più anni, rispetto all’usato di importazione, come ad esempio le moto giapponesi.

Scegliere una moto considerando il motore

Se avete intenzione di scegliere una moto in base alle diverse tipologie di motorizzazione, dovrete considerare le principali tipologie di motori che presentano le moto in commercio. Vi sono moto dotate di motore monocilindrico: chi ama i modelli più minimalisti come le moto cross, enduro o motard, prediligerà questo tipo di motorizzazioni. I motori monocilindrici sono caratterizzati da una grande coppia, spinta breve e allungo limitato. Il motore bicilindrico caratterizza invece molte moto italiane, come ad esempio Ducati ed Aprilia. Secondo l’autorevole parere di molti specialisti, questo motore è considerato il miglior motore stradale, poiché è dotato di buona capacità di allungo e di una potenza immediata, ad un basso numero di giri. Tuttavia, dipenderà molto su che moto un motore bicilindrico sarà montato. Una moto italiana che monta il bicilindrico è Ducati 1908, un modello che vanta ottime prestazioni sia in fase di ripresa che di allungo. Modelli invece come Monster, essendo una moto prettamente stradale, punteranno più che altro sulla godibilità di guida, sacrificando gli alti numeri di giri. Il motore a tre cilindri è invece attualmente montato da moto quali Triumph e Benelli: questo motore rappresenta la via di mezzo tra il motore 2 cilindri e il motore 4 cilindri. Trattasi di un motore che non eccelle in alcuna dote particolare, ma si esprime in un ottimo connubio tra prestazioni e godibilità di guida. Il motore tre cilindri rappresenta il perfetto equilibrio per antonomasia. Infine, sarà possibile acquistare una moto che monterà un motore a quattro cilindri: questa motorizzazione rappresenta il classico delle moto giapponesi, che si esprimono in una grande potenza, a regimi da pista. Queste motorizzazioni, su strada hanno prestazioni simili ai motori due cilindri, mentre in prestazione assoluta, il più delle volte risultano migliori. Gli odierni motori 1000 sono grado di garantire una potenza superiore ai 200 Cv ed una velocità di 170 chilometri orari, in prima marcia, secondo i dati forniti dallo strumento di serie.